Termine di invio e differimento sanzioni invio telematico dei corrispettivi

L’Agenzia delle Entrate, mediante il “Decreto Crescita” la Circolare Ministeriale n.15/E/2019, ha indicato il termine di trasmissione dei corrispettivi telematici e ha previsto una moratoria sanzionatoria di sei mesi che di fatto costituisce una vera e propria proroga del termine iniziale del nuovo adempimento della memorizzazione e trasmissione dei corrispettivi telematici.

Termine di invio trasmissione corrispettivi telematici

Il termine di trasmissione telematica dei corrispettivi all’Agenzia delle Entrate è stabilito entro 12 giorni dall’effettuazione dell’operazione, fermo restando gli obblighi di memorizzazione giornaliera dei dati relativi ai corrispettivi nonché i termini di effettuazione delle liquidazioni IVA periodiche.

Invio telematico dei corrispettivi: moratoria delle Sanzioni

La moratoria è distinta in relazione alle due diverse scadenze previste, la prima per coloro che hanno un volume d’affari superiore a 400mila euro avrà effetto dal 1° luglio al 31 dicembre 2019 e la seconda per tutti gli altri contribuenti avrà effetto dal 1° gennaio al 30 giugno 2020.

La moratoria opera a condizione che il contribuente :

  1. memorizzi giornalmente i corrispettivi:
    • per chi ha attivato il registratore telematico la memorizzazione avviene direttamente con lo stesso;
    • per chi non ha attivato ancora il registratore telematico, con l’utilizzo dei registratori di cassa già in uso ovvero con l’utilizzo di ricevute fiscali;
  2. trasmetta i dati relativi ai corrispettivi giornalieri entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione. La trasmissione deve avvenire con le modalità fissate da un provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate di prossima pubblicazione;
  3. dovrà rilasciare al cliente uno scontrino emesso dal misuratore fiscale in uso ovvero una ricevuta fiscale ovvero un documento commerciale;
  4. dovrà, sino all’entrata in funzione del registratore telematico, mantenere in uso ed alimentare il registro dei corrispettivi;
  5. dovrà liquidare l’Iva periodica nei termini ordinari.

Related Posts