Imposta di bollo sulle fatture elettroniche

Come anticipato nel nostro approfondimento dedicato alle novità in materia di imposta di bollo sulle fatture elettroniche, ricordiamo che è in scadenza il prossimo 23 Aprile 2019 il termine per provvedere al pagamento dell’imposta di bollo relativa alle fatture elettroniche emesse nel primo trimestre del 2019.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, mediante comunicato n.224 del 28 Dicembre 2018, ha specificato che al termine di ogni trimestre l’Agenzia delle Entrate rende noto l’ammontare dovuto dell’imposta di bollo da pagare sulla base dei dati presenti nelle fatture elettroniche inviate attraverso il Sistema di Interscambio.

Ciò a seguito di messa a disposizione nel proprio sito istituzionale di un servizio che consenta agli interessati di pagare l’imposta di bollo con addebito su conto corrente bancario o postale, oppure utilizzando il modello F24 predisposto dall’Agenzia delle Entrate stessa.

Ad oggi l’Agenzia delle Entrate non ha provveduto a rendere noto ai contribuenti le modalità di comunicazione per il pagamento dell’imposta di bollo (comunicazione nell’area riservata Entratel o Fisconline ovvero nell’area riservata del cassetto fiscale ovvero nell’area riservata del portale fatture e corrispettivi).

In tale situazione di incertezza e a pochi giorni dalla scadenza si rende opportuno quindi, da parte dei contribuenti stessi, effettuare il conteggio dell’imposta dovuta per poter eventualmente provvedere “in autonomia” al pagamento nei prossimi giorni di quanto dovuto, ancorché, in ogni caso, manchi anche la conferma del codice tributo da inserire nel modello F24 (il codice tributo 2501 è utilizzato per le fatture elettroniche alla Pubblica Amministrazione e il pagamento è fissato entro i 120 giorni successivi all’anno di riferimento).

Related Posts