Imposta di bollo sulle fatture elettroniche: attivazione servizio Agenzia delle Entrate

Vi abbiamo parlato dei giorni scorsi dell’imposta di bollo sulla fatturazione elettronica.  Segnaliamo che da ieri nell’area riservata “fatture e corrispettivi” dell’Agenzia delle Entrate è stata attivata la sezione dedicata al pagamento dell’imposta di bollo relativa alle fatture elettroniche emesse nel primo trimestre 2019 con addebito su conto corrente bancario o postale, oppure prelevando il modello F24 predisposto dall’Agenzia delle Entrate stessa.

Si ribadisce ancora una volta che la scadenza è fissata per il prossimo 23 Aprile 2019 (in quanto il 20 Aprile cade di Sabato e per le festività Pasquali successive) mentre si specifica che il nuovo codice tributo da utilizzare è il 2521 (campo anno «2019») che va utilizzato solo per le fatture emesse nel primo trimestre, mentre per i successivi trimestri si dovranno utilizzare i codici 2522, 2523 e 2524.

Nell’area riservata del sito dell’Agenzia delle Entrate viene riportato il numero dei bolli che sono stati inseriti nelle fatture elettroniche ricevute dallo Sdi, tramite la compilazione dei campi «BolloVirtuale» e «ImportoBollo», ma è stato segnalato dalla stampa specializzata che dai primi controlli non tutti i bolli indicati nelle e-fatture sono stati calcolati e che, in ogni caso, il numero dei bolli da pagare può, comunque, essere modificato manualmente.

Related Posts