Fatturazione Elettronica Regime Forfettario, Regime dei Minimi e Associazioni Sportive Dilettantistiche

A partire dal 01.07.2022 per coloro che operano nel regime forfettario o di vantaggio (regime dei minimi) scatta l’obbligo di e-fattura se i ricavi o compensi hanno superato nell’anno precedente (2021) i 25.000 Euro.

L’art.18 del DL 36/2022, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.100 del 30 aprile 2022, prevede l’introduzione dell’obbligo di emissione della fattura elettronica via Sistema di Interscambio (SdI) anche per i soggetti in regime forfettario nonché per i soggetti in regime “di vantaggio” e per le associazioni sportive dilettantistiche.

I soggetti interessati

La disposizione si applica a partire dal 1°luglio 2022:

  • per i soggetti che nell’anno precedente abbiano conseguito ricavi ovvero percepito compensi, ragguagliati ad anno, superiori a euro 25.000. Ad esempio se un soggetto ha aperto la partita iva in data 01/05/2022 (245 gg di attività) si considererà superato il limite sopra indicato se ha conseguito ricavi ovvero percepito compensi pari o superiore ad Euro 16.780,83.
  • mentre a partire dal 1° gennaio 2024 indipendentemente dal reddito che si percepirà nell’anno precedente, l’obbligo di emettere fatture elettroniche sarà esteso a tutti i soggetti. Si precisa che se un soggetto durante l’anno 2022 supererà il limite di Euro 25.000,00 l’obbligo della fatturazione elettronica scatterà dal 01/01/2023.

Per quanto riguarda le Associazioni Sportive Dilettantistiche che nel periodo precedente hanno conseguito proventi da attività commerciale per un importo NON superiore a 65.000 Euro e pertanto nel loro caso non vale la verifica dei ricavi dell’anno precedente.

Per il terzo trimestre del periodo d’imposta 2022, le sanzioni non si applicano ai soggetti ai quali l’obbligo di fatturazione elettronica è esteso a decorrere dal 1° luglio 2022, se la fattura elettronica è emessa entro il mese successivo a quello di effettuazione.

Procedura Fatturazione Elettronica Regime Forfettario, Regime dei Minimi e Associazioni Sportive Dilettantistiche

Per quanto concerne la procedura di generazione della fattura elettronica, ricordiamo che l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione:

  • il portale “Fatture e Corrispettivi”, all’interno del quale è presente una specifica sezione (“Fatturazione elettronica e conservazione”), che consente di predisporre e trasmettere il file XML.
  • Un software “stand alone” per pc, che permette la sola generazione del file XML; in tal caso la fattura dovrà essere trasmessa mediante PEC, canali “SFTP”, “web-service”, o, ancora, avvalendosi dei servizi dell’Agenzia (effettuando l’upload del file MXL sul portale “Fatture e Corrispettivi”).

Va sottolineato che l’emissione di fatture in formato elettronico comporterà la necessità di procedere alla conservazione elettronica delle stesse, secondo quanto disposto dall’art.39 del DPR 633/72.

Related Posts