dispositivi protezione individuale, bando impresa sicura

Bando “Impresa Sicura” per il rimborso delle spese di acquisto di DPI

Invitalia ha pubblicato il bando “Impresa Sicura”, che definisce i criteri e le modalità di riconoscimento alle imprese del rimborso delle spese sostenute per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale (DPI).

Il bando, in attuazione dall’art. 43 comma 1 del DL 18/2020 (Cura Italia), mira a sostenere la continuità, in sicurezza, dei processi produttivi delle imprese di qualunque dimensione e operanti su tutto il territorio nazionale, a seguito dell’emergenza sanitaria da COVID-19.

I beneficiari del rimborso sono dunque tutte le imprese, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico in cui operano e dal regime contabile adottato, che, alla data di presentazione della domanda, sono in possesso dei seguenti requisiti:

i) essere regolarmente costituite e iscritte come “attive” nel Registro delle imprese;

ii) avere la sede principale o secondaria sul territorio nazionale;

iii) essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essere in liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali con finalità liquidatoria.

Bando “Impresa Sicura” per acquisto DPI: spese ammissibili

Sono ammissibili al rimborso solamente le spese sostenute per l’acquisto di dispositivi le cui caratteristiche tecniche rispettano tutti i requisiti di sicurezza previsti dalla vigente normativa.

Pertanto, sono ammissibili:

i) mascherine filtranti, chirurgiche, FFP1, FFP2 e FFP3;

ii) guanti in lattice, in vinile e in nitrile; dispositivi per protezione oculare;

iii) indumenti di protezione, quali tute e/o camici; calzari e/o sovrascarpe; cuffie e/o copricapi;

iv) dispositivi per la rilevazione della temperatura corporea;

v) detergenti e soluzioni disinfettanti/antisettici. La misura del rimborso è pari al 100% delle spese ammissibili, nel limite massimo di 500 euro per ciascun addetto a cui sono destinati i DPI e fino a un importo massimo per impresa di 150.000 euro.

Le domande devono essere presentate in modalità telematica, secondo una sequenza temporale articolata nelle seguenti tre fasi:

i)  prenotazione del rimborso, da effettuarsi a partire dall’11 maggio e fino 18 maggio;

ii) pubblicazione dell’elenco cronologico delle prenotazioni entro tre giorni dal termine finale di invio delle prenotazioni;

iii) compilazione della domanda da parte dell’azienda collocata in posizione utile nell’elenco (a partire dalle ore 10.00 del giorno 26 maggio ed entro le ore 17.00 dell’11 giugno 2020).

Related Posts